venerdì 29 agosto 2008

Il processo Bolzaneto - Parte 1

In questa puntata cominceremo a parlare del processo sui fatti di Bolzaneto partendo effettivamente dai fatti. Abbiamo utilizzato l'audio di alcune udienze del processo che si possono liberamente scaricare al sito www.processig8.org.

In questa prima puntata sentiremo dalla viva voce di uno degli arrestati del venerdi' 21 luglio 2001 quello che e' avvenuto nello spazio di quei 4 giorni nella caserma Nino Bixio di Bolzaneto.

Il commento musicale e' di Maze dall'album Blue Heaven.

Come materiale di supporto, ecco la trascrizione dell'udienza del teste, la quarantesima, celebrata il 9 maggio 2006.

I link alla puntata in ogg o mp3

Oppure ascoltatelo online




Creative Commons License

4 commenti:

hronir ha detto...

Edo, sei riuscito ad implementare il sottofondo musicale mentre parli! Ora sembra un podcast davvero professionale, complimenti!

Non commento in merito al contenuto dell'interrogatorio perchè non ci sono parole...

Maurizio Manetti ha detto...

Bravo Edo. Hai fatto un bel lavoro.

Riguardo alla testimonianza, a me ha molto impressionato (così come al teste) la canzonicina ("1 2 3 viva Pinochet, etc.), la quale mi fa sinceramente provare un senso di commiserazione per queste persone. Per i poliziotti, intendo. Per le vittime provo dei sentimenti per altri motivi.
Se si sentono grandi uomini a cantare uno stupido ritornello infantilesco e a pestare della gente indifesa, mi angoscia la loro meschinità.

hronir ha detto...

Accanto alla meschinità dei torturatori, colpisce il fatto che, oggi, a posteriori, la società in cui viviamo che vorremmo chiamare democratica non ha trovato modo di stigmatizzare quel buco nero di umanità che si è verificato, non ho trovato modo di smarcarsi da quegli eventi etichettandoli come orripilanti e manifestando chiaramente il desiderio che non possano più ripetersi. Sembra — e magari le prossime puntate del podcast aiuteranno a capire in che misura — che si sia trattato di un processo "normale" per dei reati "normali" (abuso d'ufficio, irregolarità amministrative e "robette" simili...)

Edo ha detto...

Non e' cosi' semplice. Mi ripromettevo di parlarne in seguito, ma come si evince gia' dai primi trenta secondi del podcast, i pubblici ministeri hanno inquadrato le violazioni contestate, non solo nell'ambito del codice penale italiano, che tutt'ora non comprende il reato di tortura (violazione dell'articolo 3 della convenzione europea sui diritti dell'uomo ovvero dell'articolo 5 della dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, di cui l'Italia e' firmataria), ma anche in un'ottica piu' ampia nel senso delle varie convenzioni firmate dall'Italia che questo reato prevedono.

Cito dalla memoria scritta dei PM a pag. 239 (disponibile a www.supportolegale.org):


Secondo i parametri indicati dalla corte Europea
(dei diritti dell'uomo, nda) sicuramente itrattamenti provati come inflitti a Bolzaneto sono stati inumani e degradanti; ricorrono tutte le caratteristiche indicate dal Giudice europeo dei diritti dell’uomo perchè tale trattamento si possa ritenere integrato


Quindi, per ora, posso solo dire di rimanere sintonizzati, perche' di queste cose parleremo.