sabato 11 giugno 2011

Referendum Mon Amour UPGRADE

UPDATE: Grazie alle segnalazioni di Simone e Max, ecco a voi la puntata rimasterizzata in digitale THX.



A pochi giorni dal referendum Edo vota col sistema postale che tocca agli italiani all'estero. Cosa succedera' del suo voto? Carta straccia? Staremo a vedere.
I media italiani sono tutti contro Berlusconi, quindi Siee Giuee Accaso si fa portatore della voce del governo italiano.

Musica e approfondimenti:




    I link alla puntata (44:07 min) in ogg/vorbis (14.8 Mb) o mp3 (27.8 Mb) oppure ascoltatelo online

    giovedì 9 giugno 2011

    Referendum mon amour

    A pochi giorni dal referendum Edo vota col sistema postale che tocca agli italiani all'estero. Cosa succedera' del suo voto? Carta straccia? Staremo a vedere.
    I media italiani sono tutti contro Berlusconi, quindi Siee Giuee Accaso si fa portatore della voce del governo italiano.

    Musica e approfondimenti:




      I link alla puntata (29:48 min) in ogg/vorbis (9.4 Mb) o mp3 (19 Mb) oppure ascoltatelo online

      domenica 17 aprile 2011

      Sei anni

      Hey, oggi sono esattamente 6 anni che vivo in Olanda!

      Arrivai di domenica, come oggi. Ho un ricordo vivido del giorno:

      Update: ho sistemato i links.

      I link alla puntata (4 min) in ogg/vorbis o mp3 oppure ascoltatelo online

      giovedì 7 aprile 2011

      Viva la BBC! Che Dio la benedisica

      Puntata on-the-go con una frequenza di campionamento da 8 kHz piena zeppa di argomenti e di suoni di sottofondo:

      1) i tagli del governo inglese alla BBC e le conseguenze su Edo

      2) il processo d'appello per la strage di Firenze: come fecero le stragi

      3) W la fisica che dio la benedisica torna con un approfondimento su come fanno gli aerei a volare (per davvero); con tanto di esperimento da farsi a casa.

      4) la partenza di Italian Podcast Network

      5) Musica di Brother Love

      I link alla puntata (1:03 min) in ogg/vorbis (20 Mb) o mp3 (36 Mb) oppure ascoltatelo online

      venerdì 26 novembre 2010

      W la fisica ... che Dio la benedisica

      In questa puntata, condita da dell'ottima musica funk, parleremo di fisica e testeremo il nostro udito. Poi parteciperemo all'iniziativa Podcaster per la Costituzione lanciata da Matt e Graz di Nowherecast, e da ultimo parleremo di Movember ovvero il mese di sensibilizzazione per il cancro alla prostata e dell'azione che con i miei colleghi stiamo portando avanti.
      Approfondimenti e link a seguire!
      Musica:



      I link alla puntata (1:15 min) in ogg/vorbis (29 Mb) o mp3 (47 Mb) oppure ascoltatelo online

      mercoledì 6 ottobre 2010

      Il Processo Diaz - parte 5

      Parleremo della sentenza di appello del processo per l'irruzione della polizia
      nella scuola Diaz, sentenza che ha messo nero su bianco l'ovvio: l'operazione
      e' stata un assurdo massacro e che a posteriori si e' tentato di salvare
      l'immagine della polizia giustificando l'ingiustificabile producendo false
      prove e cosi' via. Parleremo anche brevemente di fisica e di LHC.

      Direttamente dalla sentenza di appello:
      CANTERINI Vincenzo per il reato di falso in continuazione con le lesioni gravi di cui al capo H), nella misura di anni cinque di reclusione;
      BASILI Fabrizio, TUCCI Ciro, LUCARONI Carlo, ZACCARIA Emiliano, CENNI Angelo, LEDOTI Fabrizio, STRANIERI Pietro, COMPAGNONE Vincenzo, per i reati di lesioni gravi di cui al capo H) nella misura di anni quattro di reclusione ciascuno;
      TROIANI Pietro per i reati di falso e quelli di cui al capo P) uniti dal vincolo della continuazione in anni tre e mesi nove di reclusione;
      DICHIARA
      GRATTERI Francesco e LUPERI Giovanni colpevoli del reato loro ascritto al capo A), e condanna ciascuno alla pena di anni quattro di reclusione;
      DICHIARA
      CALDAROZZI Gilberto, MORTOLA Spartaco, DOMINICI Nando, FERRI Filippo, CICCIMARRA Fabio, DI SARRO Carlo, MAZZONI Massimo, DI NOVI Davide, CERCHI Renzo colpevoli del reato loro ascritto al capo C), e DI BERNARDINI Massimiliano colpevole del reato ascrittogli al capo 1), e condanna ciascuno alla pena di anni tre e mesi otto di reclusione;
      DICHIARA
      NUCERA Massimo colpevole del reato ascrittogli al capo I), e PANZIERI Maurizio colpevole del reato ascrittogli al capo M), e condanna ciascuno alla pena di anni tre e mesi otto di reclusione;
      DICHIARA
      GAVA Salvatore colpevole del reato di falso contestatogli, e lo condanna alla pena di anni tre e mesi otto di reclusione.
      .-.-.-.-.
      Visto l’art. 29 c.p.
      DICHIARA
      GRATTERI Francesco, LUPERI Giovanni, CALDAROZZI Gilberto, MORTOLA Spartaco, DOMINICI Nando, FERRI Filippo, CICCIMARRA Fabio, DI SARRO Carlo, MAZZONI Massimo, DI NOVI Davide, CERCHI Renzo, DI BERNARDINI Massimiliano, NUCERA Massimo, PANZIERI Maurizio, GAVA Salvatore, CANTERINI Vincenzo, BASILI Fabrizio, TUCCI Ciro, LUCARONI Carlo, ZACCARIA Emiliano, CENNI Angelo, LEDOTI Fabrizio, STRANIERI Pietro, COMPAGNONE Vincenzo e TROIANI Pietro interdetti per anni cinque dai pubblici uffici.
      Condanna tutti i predetti imputati al pagamento delle spese processuali del presente grado di giudizio, e GRATTERI Francesco, LUPERI Giovanni, CALDAROZZI Gilberto, MORTOLA Spartaco, DOMINICI Nando, FERRI Filippo, CICCIMARRA Fabio, DI SARRO Carlo, MAZZONI Massimo, DI NOVI Davide, CERCHI Renzo, DI BERNARDINI Massimiliano, NUCERA Massimo, PANZIERI Maurizio, GAVA Salvatore al pagamento anche delle spese di giudizio di primo grado.
      Vista la legge 241/2006 dichiara condonate nella misura di anni 3 di reclusione le pene inflitte.
      Visti gli artt. 538 e segg. c.p.p.
      CONDANNA
      GRATTERI Francesco, LUPERI Giovanni CALDAROZZI Gilberto, MORTOLA Spartaco, DOMINICI Nando, FERRI Filippo, CICCIMARRA Fabio, DI SARRO Carlo, MAZZONI Massimo, DI NOVI Davide, CERCHI Renzo, DI BERNARDINI Massimiliano, NUCERA Massimo, PANZIERI Maurizio, GAVA Salvatore, CANTERINI Vincenzo e TROIANI Pietro in solido con il responsabile civile Ministero dell’Interno, a risarcire i danni conseguenti ai reati di falso, di calunnia, arresto illegale, e GAVA Salvatore anche per i reati di cui ai capi S), T) ed U) in favore delle parti civili che si sono costituite in relazione alle predette imputazioni, ponendo le provvisionali determinate dal primo giudice a carico solidale di tutti i predetti.
      Condanna altresì GAVA Salvatore in solido con il responsabile civile Ministero dell’Interno a risarcire in danni causati all’ASSOCIAZIONE GIURISTI DEMOCRATICI di Genova, da liquidarsi in separato giudizio;
      conferma le statuizioni civili della impugnata sentenza relative ai capi H) e Z1.


      Approfondimenti:


      I link alla puntata (45 min) in ogg/vorbis (20.8 Mb) o mp3 (36.8 Mb) oppure ascoltatelo online

      mercoledì 11 agosto 2010

      Breaking News: Emergenza alluvioni in Pakistan

      Puntata eccezionale sulla emergenza alluvione in Pakistan. Questa catastrofe naturale e' stata definita dalle Nazioni Unite come la peggiore catastrofe naturale con cui abbiamo avuto a che fare negli ultimi anni, peggiore dello Tsunami o del terremoto di Haiti. Eppure questo evento ha avuto pochissima risonanza sui media europei e al momento attuale la raccolta fondi per gli aiuti fatica a prendere quota. La nostra amica Marta Bolognani ci racconta di questa alluvione e ci suggerisce alcune ONG cui donare per salvare e aiutare le persone coinvolte (si parla di milioni di persone).




      I link alla puntata (22 min) in ogg/vorbis o mp3 oppure ascoltatelo online



      Marta ha anche scritto a tutti i suoi amici questa lettera:

      Dear friends,
      I am writing to you as an European who has lived two years in Pakistan and is, like all of you but with a personal twist, horrified at the images that are coming from the areas devastated by the floods (and the areas not devastated by the floods but affected by the destruction of roads and bridges and cannot be reached; the areas that cannot export their fruit and vegetables anymore because of the infrastructure damage; the areas that cannot receive medicines; the areas that in the next months will be affected by the rise of the food prices because nearly three thirds of the harvest has been destroyed).

      The UN have confirmed that this disaster is worse than the ‘Tsunami’, or the ‘Haiti’; still, it appears that people are not donating as much money as they have for the other emergencies.
      I am appalled by the thought that we can feel more inclined towards helping one population rather than another, but at the same time I can understand a little the reluctance in sending money to a country whose President of the country himself has left the country for Paris and London during the worst days (so far) of the emergency. However, I am now wondering what makes us more likely to support billions of military expenses that include bombing of the Northern regions of Pakistan, and less likely to cooperate with a humanitarian effort.
      There are groups closer to the Talibans who are now offering a hand to the people who are left with nothing (and already had next to nothing). In this terrible contingency, what better opportunity to build a bridge of piece and offer money to build bridges, roads, schools, hospitals in Pakistan?
      Whatever we think of the ‘war on terror’, we must all agree that Pakistanis deserve as much as any other population, especially as they have been hit by tragedy after tragedy. It is in this historical moment that we can make a difference and change the relation that we have with Pakistan- by helping people to live their lives in peace,
      because this is what all human beings want. We must not let them think that the groups close to the Talibans are the only ones willing to help them.
      We know how good the work of the International Red Cross, Islamic Relief, Save the Children and many others are. By donating to these capable organizations we will make sure that money will get there and will be used with a long-term vision.
      Please help. Pakistanis deserve the dignity of all the other victims of disasters, and if you want circulate this mail to encourage people to donate for the people affected by a disaster worse than anything we have seen on our screens before.

      Marta