lunedì 16 marzo 2009

Processo Diaz - parte 4

In questa puntata ci occupiamo della valutazione delle responsabilita' rispetto all'irruzione nella scuola Diaz (di cui abbiamo parlato qui, qui e qui). Vi lascio inoltre delle note piuttosto lunghe e, spero, sufficientemente informative; purtoppo pero' svelano molte delle cose di cui si parla nella puntata, quindi a voi la scelta!

La musica di sottofondo e' un blues (in mi maggiore) suonato da Edo con la sua nuova Manne Ventura, e la canzone con cui chiudiamo e' Io ci saro' del nostro amico Alessandro Gherardi.

Rubriche e Segnalazioni:
  • Il podcast del mese: Sproloquiocast, l'ottimo podcast di Liartes.
  • Un fork di SieeGiueeAccaso: la lettura integrale di Edo e Silvia del Decamerone; a coloro che manderanno una email a sieegiueeaccaso @ gmail.com chiedendolo, saremo felici di inviare un bel CD con la nostra lettura integrale di tutta la prima giornata del Decamerone.
  • Il dispositivo, l'intestazione e le motivazioni della sentenza Diaz
  • Le promozioni degli imputati del processo Diaz.


I link alla puntata in ogg (22.9 Mb) o (questa volta giusto, grazie Casapizza!) mp3 (23.6 Mb).

Oppure ascoltatelo online


La sentenza si presenta a doppia velocita': da una parte condanna tutti i poliziotti di cui e' stato possibile dimostrare l'entrata nella scuola Diaz (ovvero i 13 appartenenti al VII nucleo sperimentale della I squadra mobile di Roma) , sebbene non vi sia prova che ognuno abbia materialmente compiuto le violenze sugli occupanti la scuola in base al seguente ragionamento.

"Gli imputati pertanto, che, entrati nell’edificio durante il periodo in cui le violenze vennero poste in essere, ebbero la possibilità di rendersi conto di quanto stava accadendo, vanno ritenuti responsabili in concorso tra loro del reato di lesioni in danno di tutte le vittime di tali violenze, senza alcuna distinzione tra i fatti cui avevano assistito direttamente e quelli avvenuti in altre parti della scuola, dato che sia l’accordo di cui si è detto sia il loro comportamento omissivo valsero certamente a rinforzare il proposito criminoso e ad agevolare il comportamento violento di tutti coloro che operavano all’interno della Diaz.

Non appare infine superfluo osservare che quanto sin qui esposto rende di scarso rilievo accertare se le violenze siano state poste in essere esclusivamente o principalmente dagli appartenenti al VII Nucleo ovvero ad altri reparti."

Rincarando la dose, il giudice afferma che:

"Non appare superfluo sottolineare che anche i singoli agenti non in posizione di comando avevano lo stesso obbligo di impedire la commissione di reati e comunque di denunciarli, cosicché non intervenendo in alcun modo contribuivano anch’essi, sebbene certamente in misura assai inferiore, a rafforzare il proposito criminoso degli operatori che stavano ponendo in essere le violenze.

A maggior ragione dunque coloro che con responsabilità di comando avessero assistito anche solo ad alcune delle violenze poste in essere dagli agenti, avrebbero dovuto necessariamente essere ben consapevoli che il loro comportamento omissivo non solo consentiva la prosecuzione delle violenze, ma confermando la validità dell’accordo di non denunciare gli eccessi di violenza posti in essere dai loro sottoposti, ne rafforzava la convinzione dell’impunità e di conseguenza il proposito criminoso."

Ed inoltre:

"Non si dimentichi che l’obbligo generale di denuncia dei reati, gravante su tutti i pubblici ufficiali, non è limitato ai reati commessi da operatori sotto il loro comando.

Deve dunque ritenersi che proprio tale accordo e quindi la convinzione dell’impunità da parte degli agenti del VII Nucleo abbia determinato e comunque certamente contribuito al diffondersi delle violenze, sia da parte loro sia da parte degli altri operatori entrati nell’edificio, i quali, per il forte rancore sino allora represso, sospinti, come già osservato, da un effetto attrattivo e da suggestione e fidando che anche le loro azioni sarebbero rimaste impunite, davano così libero sfogo all’istinto, superando ogni remora morale e legale.

Il fatto che gli imputati appartenenti al VII Nucleo, per di più nelle loro posizioni di comando, fossero presenti ai vari piani della scuola, mentre gli operatori sia del loro sia di altri reparti ponevano in essere le violenze, e non intervenissero per impedirle, valeva certamente a riaffermare l’esistenza e la validità del citato accordo e a rafforzare quindi in tutti tali operatori la convinzione dell’impunità ed il proposito criminoso."


Questo ragionamento, valido per tutti i "picchiatori" non e' pero' stato ritenuto valido dal giudice per condannare l'alta gerarchia della polizia, presente non nella scuola ma antistante la scuola. Nessuno di coloro che erano appena fuori dalla Diaz-Pertini s'e' accorto di nulla? Perche' nessuno delle alte gerarchie ha denunciato le violenze? D'altronde nella scuola saranno entrati a "messa in sicurezza" effettuata. Non e' questo un comportamento che possa convincere, addirittura a posteriori e non a priori, che i superiori non avrebbero (e non hanno) denunciato gli eccessi di violenza posti in essere dai loro sottoposti, rafforzandone la convinzione dell’impunità?

L'unico alto in grado per cui si sia ritenuto valido questo ragionamento e' il Dr. Vincenzo Canterini, autore del primo ridicolo rapporto al prefetto:

"L’omissione da parte del dr. Canterini, nella sua prima relazione di servizio, di qualsiasi accenno a tali violenze, delle quali, come meglio si dirà in seguito, non poteva non essersi reso conto, ed il fatto che il dr. Fournier a sua volta non abbia neppure pensato di denunciare quanto lo aveva successivamente portato a dire che la situazione richiamava alla mente una “macelleria messicana”, giustificando sostanzialmente tale suo comportamento con l’impossibilità nei servizi di ordine pubblico di denunciare gli operatori che ponevano in essere violenze e con la necessità di tutelare l’onore dell’istituzione di cui fa parte, costituiscono ulteriori precise conferme della sussistenza di una sorta di accordo, tacito o anche espresso, in proposito."


Allora esiste questo accordo per coprirsi a vicenda, pare di capire; ma ecco che per la questione delle molotov e delle prove false, che servono a pieno titolo a coprire gli operatori che ponevano in essere violenze fornendo loro una parvenza di giustificazione, il giudice afferma:

"La prima ipotesi e cioè l’esistenza di un vero e proprio complotto organizzato in precedenza anche con la creazione di prove false è già stata più sopra esaminata e respinta [...] la seconda presupporrebbe che tutti i funzionari presenti al c.d. “colloquio” nel cortile, per di più come già si è osservato appartenenti a diversi servizi, si fossero immediatamente accordati in proposito, con tutti i rischi che ciò poteva comportare, anche tenuto conto del numero delle persone al corrente del fatto e della difficoltà di tenere nascosta la vera provenienza delle bottiglie in questione."

Come a dire che tra carabinieri, polizia e quant'altro questa gente non parla la stessa lingua e non si capisce; questo e' terreno fertile per battute e barzellette sui carabinieri, se solo in tutta questa vicenda ci fosse qualcosa su cui ridere.

Segue l'elenco completo degli imputati con relativa qualifica e condanna, se presente:
  1. Luperi Giovanni dirigente e vicedirettore Ucigos responsabile DIGOS.
  2. Gratteri Francesco dirigente superiore e direttore Servizio Centrale Operativo
  3. Caldarozzi Gilberto primo dirigente, vice direttore del Servizio Centrale Operativo
  4. Mortola Spartaco primo dirigente, dirigente della Digos della Questura di Genova,
  5. Dominici Nando primo dirigente, dirigente della Squadra Mobile della Questura di Genova,
  6. Ferri Filippo vice questore aggiunto, dirigente della Squadra Mobile della Questura di La Spezia, aggregato alla Questura di Genova,
  7. Ciccimarra Fabio, vice questore aggiunto, in servizio presso la Squadra Mobile di Napoli, aggregato alla Questura di Genova,
  8. Di Bernardini Massimiliano, vice questore aggiunto in servizio presso la Squadra Mobile di Roma, aggregato alla Questura di Genova;
  9. Di Sarro Carlo, vice Questore aggiunto in servizio presso la Digos della Questura di Genova
  10. Mazzoni Massimo, ispettore capo in servizio presso il Servizio Centrale Operativo;
  11. Di Novi Davide, ispettore superiore della Polizia di Stato in servizio presso la Squadra Mobile della Questura di La Spezia, aggregato alla Questura di Genova
  12. Cerchi Renzo, sovrintendente della Polizia di Stato in servizio presso la Squadra Mobile della Questura di La Spezia, aggregato alla Questura di Genova
  13. Canterini Vincenzo comandante VII nucleo I reparto mobile di Roma 4 anni
  14. FOURNIER Michelangelo 2 anni
  15. BASILI Fabrizio 3 anni
  16. TUCCI Ciro 3 anni
  17. LUCARONI Carlo 3 anni
  18. ZACCARIA Emiliano 3 anni
  19. CENNI Angelo 3 anni
  20. LEDOTI Fabrizio 3 anni
  21. STRANIERI Pietro 3 anni
  22. COMPAGNONE Vincenzo 3 anni
  23. NUCERA Massimo
  24. Panzieri Maurizio ispettore capo VII nucleo I reparto mobile
  25. Troiani Pietro vice questore aggiunto 3 anni
  26. Burgio Michele assistente polizia di stato 2 anni 6 mesi
  27. Gava Salvatore Commissario capo della Polizia di Stato
  28. Fabbrocini Alfredo Commissario della Polizia di Stato
  29. Fazio Luigi Sovrintendente PS 1 mese

5 commenti:

NeXuS ha detto...

Ottima (e spaventosa) conclusione delle vostre "indagini" sulla Diaz.

Bravi. Continuate ad informare.

Nel frattempo vi segnalo http://www.liberliber.it/ (recentemente presentato anche da Nowherecast), sul quale trovate testi di tutti i generi purche' i diritti d'autore siano scaduti (o siano testi liberi).

Liberliber ha lanciato anche una sezione dedicata agli audiolibri: la redazione e' in cerca di speaker che producano versioni audio dei testi pubblicati.

Edo ha detto...

Ciao NeXus,

accipicchia non m'aspettavo una reazione cosi' a giro di posta, sara' il fuso orario!

Grazie dei complimenti, come ho detto questa cosa dei processi del G8 l'ho presa un po' come impegno sociale...

Per quel che riguarda la segnalazione di Liber Liber, grazie a nowhercast l'ho (ri)scoperto e ho anche proposto la nostra lettura del Decamerone per la sezione del Libro parlato di liberliber. Beh, quando sara' ultimato (e corretto) probabilmente potra' farne parte. Ma per ora continuiamo a produrlo cosi'.

CasaPizza ha detto...

Occhio Edo che il link al file mp3 ci pare sbagliato! C'è un 2008 al posto di 2009 nel nome del file.....
Corriamo a scaricare, ciauz!

Edo ha detto...

Bravi Pizzas! Grazie: ho corretto il link e ringraziato.

Ciao

Francesco ha detto...

Grande puntata di chiusura riguardo il processo Diaz... finalmente ho avuto il tempo di ascoltarla e mi sono anche accorto che avete fatto (o meglio Edo ha fatto) una recensione a dir poco lunsinghiera al mio podcast! Grazie, grazie mille, adesso sono cosi' imbarazzato che sembro un olandese (faccia bianca e guancette rosse da campagnolo) eheheheheh.

Un saluto a voi e con te, Edo, ci vediamo sabato per la pizza! :o)

Francesco/Liartes